Recensione del libro “Un cuoco per amico”

Recensione del libro “Un cuoco per amico”
Un valido alleato nell'insegnamento della corretta alimentazione ai più piccoli per riscoprire insieme a loro il bello ed il buono del cibo sano e di qualità.

di Mariagrazia de Castro.

“L’infanzia e l’adolescenza sono fasi importanti per lo sviluppo delle abitudini alimentari; l’ambiente domestico, scolastico e i media svolgono un ruolo fondamentale influenzando la preferenza alimentare. In generale il complesso processo della scelta alimentare è influenzato da molteplici fattori: fisiologici, psicologici, socio economici, educativi, culturali, ambientali, pubblicità e caratteristiche sensoriali degli alimenti. Le scelte alimentari determinano direttamente l’assunzione di nutrienti, danno il necessario apporto calorico per un corretto bilancio energetico e per lo sviluppo di organismi in fase di crescita”* 

Negli ultimi anni si sta assistendo a un rinnovato interesse nei confronti dello sviluppo dell’educazione alimentare nella scuola che viene identificata come struttura per promuovere la salute e incoraggiare metodi attivi di didattica orientata a riconoscere la buona alimentazione come uno dei fattori chiave che influenzano la salute del futuro adulto. E questo significa agire sin dalla scuola dell’infanzia con l’incoraggiamento dei tradizionali stili di mangiare e cucinare rispetto all’invasione pericolosa della cultura del fast food.

un-cuoco-per-amico-01

L’educazione alimentare nella scuola deve promuovere stili di vita salutari, per stimolare la consapevolezza sensoriale, per sensibilizzare la comunità giovanile al recupero dei tradizionali stili culinari rispetto all’espansione preoccupante della cultura del fast – food.

I programmi ministeriali insistono sul valore del prodotto fresco e di stagione, biologico, non contaminato (le conseguenze per la salute e gli effetti ambientali delle scelte alimentari), sull’importanza del prodotto tipico, sul significato non solo nutrizionale (le conseguenze per la salute), ma anche antropologico e culturale del cibo (le influenze sui costumi alimentari).

Il libro “Un cuoco per amico proposto da PrimeVie Edizioni si presenta come un supporto didattico molto valido per educare all’alimentazione e a stili di vita salutari i giovanissimi. È destinato a un pubblico di studenti tra i 9 e i 12 anni, fascia d’età in cui il bambino comincia a chiedersi cosa influenza le abitudini alimentari e come queste sono influenzate da quello che lo circonda. Avendo consapevolezza del suo organismo e dei meccanismi di funzionamento il bambino comincia a chiedersi anche come le abitudini alimentari siano legate alla salute e conseguentemente come siano legate all’ambiente.

un-cuoco-per-amico-02

La scuola è il luogo probabilmente più deputato e specifico per fare concretamente educazione alimentare anche attraverso il contatto con la realtà territoriale, le coltivazioni locali, gli usi e i costumi che circondano il bambino.

Antonio Caracciolo, il mago dei fornelli che “custodisce tanti segreti e curiosità sull’alimentazione” è il personaggio che accompagnerà i bambini in questo viaggio didattico alla scoperta di cosa mangiare per crescere sani e forti e di tutto quello che si deve sapere sulla nutrizione. Non mancano notizie e curiosità per i bambini sui prodotti italiani, l’uso delle erbe in cucina e le combinazioni alimentari.

“Adesso ti racconto una storia davvero curiosa. Qualche anno fa una mia amica, che insegna in una scuola media, mi chiese se volevo tenere alcune lezioni sull’alimentazione ai suoi alunni. Con piacere accettai. Fin dal primo incontro mi accorsi che quei ragazzi non conoscevano l’origine degli alimenti. Non sapevano che il formaggio viene fatto con il latte munto dalle mucche, dalle pecore o dalle capre”.

un-cuoco-per-amico-03

Interessante l’accenno alla qualità degli alimenti per far comprendere al bambino quanto sia importante saper scegliere i prodotti, acquistare prodotti locali, mangiare prodotti di stagione, ridurre gli sprechi e privilegiare i prodotti biologici.

Non manca la dovuta attenzione al materiale didattico (tabelle di rielaborazione, schede di approfondimento, esercizi, etc.) volto a mettere in evidenza le competenze realmente acquisite attraverso la fruizione dei contenuti.

Il libro certamente risponde all’obiettivo generale di promuovere la salute e la qualità di vita come valori da trasmettere e diffondere ai bambini e alle famiglie e all’obiettivo specifico di informare, stimolare, sensibilizzare i bambini – ma anche le famiglie – sviluppandone la capacità critica nei confronti del cibo.

un-cuoco-per-amico-04

Gino Primavera (a cura di)

Un cuoco per amico

Consigli per crescere sani

PrimeVie Edizioni, 2010

*G. Cammarota, M.P. Graziani e M. P. Pellicano, Istituto di Scienze dell’Alimentazione, CNR, di Avellino, “Il cibo La mente” a cura di V. Zappia et al. (2010, Arti Grafiche Cecom)

Commenti
Articoli correlati
Leave a reply