San Valentino: perchè si mangia cioccolato?

San Valentino: perchè si mangia cioccolato?
Svelati i 3 motivi principali!

di Monica Cazzaniga di Monica’s Kitchen per Lorenzo Vinci

San Valentino: la tradizione del cioccolato

Febbraio è per eccellenza il mese di San Valentino e di Carnevale, entrambe occasioni che ci portano a realizzare dolci specifici, studiati ad hoc per l’occasione oppure legati alle tradizioni regionali italiane.

Se preparare dolci per il Carnevale è meno impegnativo in quanto le opzioni che ci regala la tradizione sono molteplici, per San Valentino spesso l’indecisione la fa da padrona. Se inoltre cerchiamo on line idee e suggerimenti sarà impossibile non notare l’abbondanza di dolci che hanno come ingrediente chiave il cioccolato, in particolare quello fondente, oppure il cacao amaro.

cioccolato-san-valentino-01

San Valentino: 3 motivi per preparare un dolce di cioccolato

Viste le premesse la domanda sorge spontanea: perché il cioccolato viene associato così tanto a San Valentino e alla festa dedicata all’amore?

1- Il cioccolato contiene la feniletilamina, una sostanza simile a quella che il nostro corpo rilascia quando ci si innamora, ed il triptofano che tende ad aumentare il livello di euforia.

2- Oltre agli effetti afrodisiaci sopracitati, contiene sostanze che lo rendono un valido alleato contro lo stress ed un antidepressivo. Il cioccolato ha infatti un elevato apporto di magnesio, che ha la capacità di calmare e distendere il sistema nervoso, e favorisce la produzione di anandamide, un composto di molecole capace di influenzare l’umore in senso positivo.

3- Pare che il cioccolato non solo induca il corpo umano al piacere, ma sia in grado anche di protrarlo, facendo perdurare sensazioni di soddisfazione e benessere. Secondo una leggenda il re azteco Montezuma beveva parecchie tazze di cioccolata con miele per aumentare la sua virilità ogni qualvolta doveva incontrare una delle sue tante mogli ed amanti.

cioccolato-san-valentino-03

Insomma, se non avevamo ancora una valida motivazione per realizzare un dolce al cioccolato per il nostro compagno o compagna per la serata di San Valentino, ora possiamo dire di averne parecchie!

Potrete inoltre associarlo ad altri ingredienti afrodisiaci per l’occasione: peperoncino, miele, fragole, fichi e mandorle in primis, che tra l’altro si sposano bene con il cioccolato fondente.

Cioccolato fondente e intolleranze

Parlando di cioccolato fondente ed intolleranze vi ricordo che per essere idoneo alla somministrazione a soggetti celiaci sulla confezione deve riportare la dicitura “senza glutine”, il simbolo della spiga barrata o essere presente nel prontuario alimenti AIC, stesso discorso vale per il cacao amaro, in quanto entrambi sono alimenti a rischio contaminazione.

Se invece sussistono problemi di altre intolleranze vi ricordo che il cioccolato fondente non contiene lattosio, pertanto permesso a coloro che non tollerano questo zucchero, è anche consentito per intolleranti a uova e lieviti, ma vietato invece a coloro che non tollerano il nichel.

cioccolato-san-valentino-04

A questo punto non mi resta che augurarvi un buon San Valentino e buon lavoro nella preparazione del vostro dolce che, dopo queste informazioni, sarà sicuramente una bomba di piacere!
di Monica Cazzaniga

visita il suo blog: Monica’s Kitchen e tutti i suoi articoli su Lorenzo Vinci nella sua rubrica!

Lorenzo Vinci

Commenti
Articoli correlati
Leave a reply