Risotto con cialda di riso venere soffiata, crema di pomodorini confit e stracciatella

Risotto con cialda di riso venere soffiata, crema di pomodorini confit e stracciatella
Un risotto speciale nato dal suggerimento di un lettore, fresco e mediterraneo!

Porzioni: 2

Difficoltà: Media

Totale: 1 ora circa

INGREDIENTI:

  • 200g Riso Carnaroli
  • 40g Riso venere
  • 15g Riso Carnaroli
  • 100g Stracciatella1
  • 50g Pomodoro pachino
  • q.b. Basilico
  • q.b. Sedano, carota e cipolla
  • q.b. Olio per friggere
  • q.b. Burro, Olio, Sale, Pepe, Zucchero, Origano

La sfida

Bentornati a tutti nella nuova rubrica dei risotti, oggi è venerdì, quindi ve ne propongo uno nuovo.  Come sapete vi avevamo lanciato la sfida: è arrivato il momento di partire con la proposta social!
Abbiamo scelto il risotto di Fabio Massimo Petronio, che ci ha proposto un Riso venere con ventresca di tonno, battuto di bufala e cedro, sicuramente buonissimo.  Io dovevo scegliere uno degli ingredienti utilizzati da Fabio e fare un mio risotto. Cosa avrò scelto? La bufala? Quasi. Il cedro? Troppo facile!

La scelta degli ingredienti

Ho scelto di fare il mio risotto con… il Riso Venere!

Riso_venere_black_rice_copertina.jpg
Per fare un risotto infatti è consigliato sempre un buon Carnaroli, o un Vialone Nano: tipi di riso dai chicchi finissimi che tengono molto bene la cottura e che rilasciano il giusto quantitativo di amido per poi creare in mantecatura, la “crema” tipica dei nostri risotti. Bene, io ho scelto di abbinare le due tipologie di riso.
Ne viene fuori un risotto squisitamente italiano, mediterraneo, fresco e buonissimo.

Utilizzeremo ingredienti tipici della nostra terra: il pomodoro, la stracciatella (che è l’interno della burrata e ce la invidiano tutti) e il basilico, che non ha bisogno di presentazioni.

Ho raccolto questa sfida con un risotto che ha bisogno di tempo. Consiglio, quindi, di muovervi per tempo, in anticipo, soprattutto per la parte più tecnica: le cialde di riso venere soffiate. Il risultato sarà fantastico! Le cialde ricordano le gallette di riso ma si differenziano per il gusto particolare conferito dal riso venere integrale. Sono davvero buonissime!

Ora vi lascio alla preparazione di questa ricetta che vi consiglio veramente di provare a rifare a casa ma prima ringraziamo ancora Fabio per il suo contributo. Intanto, chi mi lancia la prossima sfida?
Vi ricordo di scrivere (su facebook o qui sotto l’articolo in commento) #ilrisottodellasettimana sotto questa ricettina!

La ricetta: procedimento

  1. Preparate un brodo vegetale come ormai tutti sappiamo fare, con sedano, carota e cipolla mondati, lavati e tagliati a pezzettoni partendo a freddo, saliamo, quindi portiamo e manteniamo a bollore.
  2. Prepariamo in anticipo le nostre cialde di riso venere soffiato: ci vorrà un po’ quindi armatevi di pazienza. Portate a bollore i 15g di riso carnaroli e i 40g di riso venere, avendo cura di lasciarli cuocere per qualche minuto in più. Quindi scolate e frullateli insieme. Disponete la crema ottenuta su una teglia foderata di carta forno e cuocete in forno a 150g per circa tre ore! (disponeteli sulla teglia aiutandovi con dei coppapasta, spalmando la crema al loro interno). Una volta lasciato raffreddare il risultato, friggete in abbondante olio di semi!
  3. Rimuovete l’olio in eccesso con della carta da cucina e tenete da parte.
  4. Prepariamo i pomodorini confit, tagliate a metà i pomodorini e conditeli direttamente su una teglia con carta forno aggiungendo olio, sale, pepe, zucchero (a velo o ci canna) e origano. Quindi fateli cuocere a 180°C per almeno 25 minuti. Quindi frullare il tutto e tenere da parte.
  5. Partiamo ora con il nostro risotto. Lo facciamo tostare con un filo d’olio e sfumiamo con del vino bianco; quando l’alcol sarà evaporato, partire con il brodo vegetale. A metà cottura aggiungere la crema di pomodorini confit, quindi mantecare con burro e parmigiano.
  6. Impiattare il nostro risotto aggiungendo in finitura la cialda di riso venere soffiato in centro, adagiarvi sopra un po’di stracciatella, e decorare tutto con delle foglie di basilico fresco spezzettate con le mani!

 

risotto-cialda-riso-venere-01

Abbiniamo il Giusto Vino!

Con questo gusto mediterraneo, deciso e raffinato, non ho dubbi: un Nero d’Avola. Andiamo in Sicilia per godere di questo meraviglioso vitigno, che ci conferisce un vino delicato, elegante, ma di corpo. Un vino che se bevuto giovane è dotato di un fantastico color porpora, che ci prepara a sentire quelle note di frutta rossa che ci avvolgono il palato. Queste note bilanciano il corpo di questo vino siciliano, proveniente da una terra vulcanica e minerale, per un connubio col risotto quasi afrodisiaco!

#PropostaSocial

Portiamola avanti insieme questa rubrica! Pubblicate i vostri risotti della settimana su tutti i social con l’hashtag #risottodellasettimana specificando l’ingrediente protagonista della vostra ricetta; ogni settimana sceglieremo la più bella e la più invitante, e riproporrò a mia volta un risotto con lo stesso ingrediente base, che ne dite? Non vedo l’ora di vedere i vostri risotti!

Ps. Se volete vedere altre ricette cliccate “mi piace” alla mia pagina Facebook  “Gianluca Rossetti”. 

Commenti
Articoli correlati
Leave a reply