Ricetta sformatini paglia e fieno & cocktail giuda

Ricetta sformatini paglia e fieno & cocktail giuda
Il finger food di oggi sono gli sformatini di paglia e fieno che abbiniamo ad un cocktail chiamato Giuda! Vediamo come procedere...

ingredienti

  • 250 gr tagliatelle paglia e fieno
  • 200 gr di verza
  • 50 gr di pancetta a cubetti
  • 1 cipolla
  • ½ bicchiere di vino rosso
  • 50 gr di parmigiano
  • Sale e pepe q.b.
  • Olio evo
  • Stampini per sformati
  • Granella di nocciole per decorare
  • COCKTAIL GIUDA:
  • 4-5 Cubetti di Ghiaccio
  • 2 parti di Grand Marnier
  • 1 parte di Rum Ambrato
  • 1 parte di Granatina
  • 1 parte di Succo di Arancia Rossa
  • 1 arancia per servire il cocktail
  • Preparazione sformatini paglia e fieno

    1. Lavate la verza a tagliatela a listarelle, conservando due foglie intere per rivestire gli stampini.

    2. Tagliate la cipolla finemente e mettetela in una padella con un filo d’olio, la pancetta e la verza precedentemente tagliata. Accendete il fuoco, sfumate con il vino rosso a fiamma alta.

    3. Abbassate la fiamma, coprite e lasciate cuocere per 10 minuti. Nel frattempo portate una pentola d’acqua a bollore, salate e buttate le tagliatelle. Scolatele al dente, versatele in padella aggiungendo parmigiano e pepe. Ungete gli stampini con un poco di olio, rivestite con le foglie di verze e versatevi le tagliatelle.

    4. Infornate in forno preriscaldato a 200° per 10 minuti. Una volta pronti, capovolgeteli e spolverate con granella di nocciole.

    Finger food

    Preparazione cocktail

    1. Lavate e asciugate l’arancia, tagliate la parte superiore e svuotatelo della polpa. Nello shaker, mettete i cubetti di ghiaccio.

    Ami cucinare? Scopri il club di Lorenzo Vinci!

     

    2. Versate il Grand Marnier, il Rum Ambrato, la granatina ai frutti rossi e il succo d’arancia rossa, agitate e versare, con lo strainer, il contenuto nell’arancia. Guarnire con un po’ di zucchero di canna.

    Cocktail Giuda

    Che dire…

    Le tagliatelle sono un piatto della tradizione emiliana. Il loro nome deriva dal verbo “tagliare” o “affettare” (da cui il nome fettuccine), poiché si ottengono tagliando la sottile sfoglia all’uovo, dopo averla arrotolata. Le tagliatelle verdi che troviamo nel formato paglia e fieno hanno nell’impasto o la bietola o lo spinacio, che le rende gradevoli alla vista prima che al gusto.

    Si tratta di un formato versatile che si abbina ai diversi condimenti. Sono ottime come paste asciutte, e ancor meglio come sformati. Finger divertente e colorato, dove il condimento della pasta, viene smorzato dall’acidità del cocktail Giuda.

    Se questa ricetta ti è piaciuta, scopri finger food di pomodorini ripieni!

    Commenti
Articoli correlati
Leave a reply