Muscat Petit Grain DOC: il moscato bianco della Valle d’Aosta

Muscat Petit Grain DOC: il moscato bianco della Valle d’Aosta
Il frutto di una viticoltura “eroica”, con lavorazioni solo manuali e vigne in forte pendenza allevate con basse rese.

di Alessio Turazza, giornalista e sommelier

Muscat Petit Grain DOC: storia, zona di produzione e territorio

La Valle d’Aosta è una regione molto vocata per la coltivazione della vite. I versanti della valle esposti a mezzogiorno, garantiscono un’ottima insolazione delle vigne e il clima fresco favorisce la presenza di notevoli escursioni termiche tra il giorno è la notte. E’ una viticoltura di tipo “eroico”, con lavorazioni solo manuali, vigne in forte pendenza, spesso terrazzate, allevate con basse rese su terreni rocciosi ricchi di sostanze minerali. In questo particolare territorio, in cui sono presenti molti antichi vitigni autoctoni, il muscat petit grain ha trovato da secoli le condizioni per esprimersi con note di particolare eleganza e finezza.

moscato-bianco-aosta-03

Il vitigno e le caratteristiche del Muscat Petit Grain

Il muscat petit grain è il nome con cui viene chiamato in area francofona il moscato bianco, presente in molti biotipi sia Italia che all’estero. In Italia è coltivato soprattutto in Piemonte, nelle province di Asti, Cuneo e Alessandria, in Sicilia, in Oltrepò Pavese, in Toscana e in Puglia. In Europa è presente in Francia, Germania, Spagna e Grecia. E’ un vitigno molto antico, già conosciuto ai tempi dei Greci e dei Romani. Il suo nome pare derivi proprio dai sentori di muschio caratteristici del suo bouquet. E’ un vitigno che garantisce una produzione buona, costante e predilige i climi secchi e le esposizioni soleggiate. Si tratta di una delle poche uve aromatiche; ovvero che esprimono già nell’uva matura gli stessi profumi e aromi che caratterizzeranno poi il vino. Il Valle d’Aosta Muscat Petit Grain DOC è un vino dal colore giallo paglierino. Il bouquet si apre con profumi intensi e aromatici, note floreali e fruttate. Il sorso è fresco, armonioso, con perfetto equilibrio tra morbidezza del frutto e acidità.

moscato-bianco-aosta-04

La denominazione e il consorzio del Muscat Petit Grain DOC

I vini della Valle d’Aosta sono stati riconosciuti con la Denominazione d’Origine Controllata regionale del 2002. Per quanto riguarda il Valle d’Aosta Muscat Petit Grain DOC, il disciplinare definisce la zona di produzione ai territori dei comuni di Arnad, Arvier, Avise, Aymavilles, Brissogne, Chambave, Champdepraz, Charvensod, Chatillon, Donnas, Fenis, Gressan, Hône, Introd, Issogne, Jovençan, Montjovet, Pollein, Pontey, Saint-Marcel e Villeneuve, a destra della Dora Baltea e ai territori dei comini di Aosta, Arnad, Arvier, Avise, Bard, Challand Saint-Victor, Chambave, Châtillon, Donnas, La Salle, Montjovet, Morgex, Nus, Perloz, Pont Saint-Martin, Quart, Saint-Christophe, Saint-Denis, Saint-Nicolas, Saint-Pierre, Saint-Vincent, Sarre, Verrayes, Verres e Villeneuve a sinistra della Dora Baltea. I vini monovitigno, che riportano in etichetta l’indicazione Muscat Petit Grain, devono essere prodotti con un minimo di moscato a petit grain dell’85%, più un eventuale saldo del 15% di altre uve a bacca bianca autorizzate in Valle d’Aosta. Il disciplinare fissa il titolo alcolometrico minimo in 10,50%. Per la produzione del Muscat Petit Grain Flétri le uve devono essere sottoposte a un appassimento fino a raggiungere un contenuto zuccherino non inferiore al 26% e il vino non deve essere immesso al consumo prima del 1° dicembre dell’anno successivo alla vendemmia.

moscato-bianco-aosta-02

Temperatura di servizio e abbinamenti

Il vino Valle d’Aosta Muscat Petit Grain DOC si serve a una temperatura di 8/10 °C. E’ un vino fresco e delicato, particolarmente indicato da degustare come aperitivo, con gli antipasti o con formaggi freschi.


Lorenzo Vinci

Commenti
Articoli correlati
Leave a reply