LIVE WINE 2017: il terzo Salone Internazionale del Vino Artigianale

LIVE WINE 2017: il terzo Salone Internazionale del Vino Artigianale
È il futuro dell’alimentazione, ma si può vivere in anteprima.

di Guido Gabaldi della rubrica L’esotipico di Lorenzo Vinci

Il vino in formato “artigianale”, Sabato 18 e Domenica 19 Febbraio torna a mettersi in mostra con Live Wine 2017, realizzato con il sostegno dell’Associazione Italiana Sommelier di Lombardia. L’evento avrà luogo a Milano in via Piranesi n. 14, ed è giunto alla sua terza edizione. Circa 150 cantine, provenienti da tutta Italia e dall’estero, presentano i loro vini a un pubblico di privati e di operatori nella splendida cornice del Palazzo del Ghiaccio di Milano.

Il vino artigianale

E veniamo all’aggettivo “artigianale”: a scanso di equivoci, le cantine selezionate sono aziende di piccole e medie dimensioni che praticano un’agricoltura sostenibile e che in fase di vinificazione preferiscono non utilizzare additivi enologici in modo da ottenere un vino che esprima al massimo il territorio, l’annata e il lavoro dell’uomo. Una filosofia non interventista, per usare un termine contemporaneo.

livewine-2017-02

Live Wine 2017: il programma

Durante LIVE WINE 2017 è inoltre possibile partecipare agli incontri e alle degustazioni a tema guidate da Samuel Cogliati, l’editore e divulgatore italo-francese responsabile degli approfondimenti del Salone fin dal suo esordio. Da non perdere le serate LIVE WINE NIGHT. Venerdì 17 e sabato 18 nelle enoteche, ristoranti e altri luoghi selezionati della città si può approfondire la conoscenza dei vini e dei territori in compagnia dei vignaioli presenti.

La lista delle cantine presenti e il programma delle serate LIVE WINE NIGHT sono consultabili da gennaio sul sito www.livewine.it. Le degustazioni guidate da Samuel Cogliati sono a numero chiuso e prenotabili online circa un mese prima dell’evento.

livewine-2017-03

Durante la manifestazione i visitatori hanno la possibilità di acquistare le bottiglie direttamente dai produttori. È tutto, pronto, dunque, per un nuovo appuntamento imparentato con la salute e il benessere di una fascia sempre più ampia di consumatori e produttori. Senza rinunciare a nulla della magia inebriante del vino.

Lorenzo Vinci

Commenti
Articoli correlati
Leave a reply