La misma luna

La misma luna
Oggi vi offro una tavolozza di ingredienti colorati, tradizioni, storia e tante sfumature...Voi dovete solo premere pausa, buttare il pennello e sporcarvi le mani di colore e creatività per costruire insieme un long drink fresco e beverino dal sapore di nuvole e Messico.

ingredienti

  • Tequila Calle 23 Blanco 4cl
  • Sciroppo di agave 1 cucchiaino
  • Spremuta di pompelmo giallo filtrata 6cl
  • Succo di mela verde bio 6cl
  • Sciroppo di menta Monin 1cl
  • Succo di lime fresco filtrato 1cl
  •   Bianco o Blanco

    Come la Tequila Calle 23 Blanco, scoperta, annusata ed inevitabilmente amata durante l’ultima edizione dell’Agave Experience svoltasi a Milano nel mese di maggio; una Tequila pura, cristallina e gentile, ma dal carattere deciso, che sarà la base della nostra composizione, la nostra tela bianca.
     

    Blu o Azul

    Come l’agave dalle foglie azzurre, la pianta per eccellenza, coltivata sugli altipiani messicani della regione di Jalisco già dalla fine del 1800, dal cui succo si ricava l’unico distillato DOC degno di essere chiamato Tequila.
     

    Rosso o Rojo

    come il colore della storia che ci racconta di civiltà precolombiane ed in particolare degli Aztechi, fra le cui antiche tradizioni si cela l’origine di un succo di agave fermentato bevuto dai sacerdoti durante i riti religiosi sacrificali, una Tequila “sacra” rudimentale e primitiva; la storia che ci parla poi dei Conquistadores di Cortés, che quella bevanda sacra la chiamarono “pulque” e se ne riempirono i bicchieri, ma sparsero sangue tutt’intorno.

     

    Ti piacciono i liquori? Entra nel club di Lorenzo Vinci

     

    verde

    come la mela verde e la menta che, una volta raccolte nel giardino del nostro Stivale, andiamo oltreoceano a fondere e mescolare con il retrogusto fruttato della Tequila Blanco.

     

    Giallo o Amarillo

    come l’ultima pennellata fresca e profumata di agrumi, lime e pompelmo; pompelmo giallo, grande e tondo come la Luna delle sere d’estate, quella che ci sorride e ci abbronza e ci lega ad una terra il cui nome – Messico – secondo alcune interpretazioni significa proprio “Ombelico della Luna”.

    ~ Bicchiere: Tambler alto
    ~ Tecnica: Shake and Strain
    ~ Attrezzatura: Parisienne (shaker a 2 pezzi)
                            Strainer (passino)

    Preparazione:

    Prendiamo la base del Parisienne e versiamo al suo interno Tequila, succo di mela verde, spremuta di pompelmo, succo di lime, sciroppo di menta e sciroppo di agave;

    Riempiamo di ghiaccio a cubetti la base del Parisienne contenente gli ingredienti e chiudiamo poi ermeticamente con la parte superiore;

    Shakeriamo energicamente per 5/6 secondi;

    Quindi apriamo lo shaker ed utilizzando lo strainer versiamo il preparato nel bicchiere già precedentemente riempito di ghiaccio a cubetti;

    Guarniamo infine il drink con un rametto di menta ed un alchechengi.

    Ed ora che la nostra tela è compiuta non ci resta che assaggiarla ed abbandonarci ad una sola evidenza: sia che siamo la faccia triste dell’America o quella dell’Europa, sia che siamo popoli di ieri o di domani, uomini di mare o con i piedi saldi a terra, sia che quando il vento soffia la sua armonica abbiamo tanta voglia di ridere o tanta voglia di piangere…siamo in fondo tutti sotto la stessa Luna.

    Se l’articolo ti è piaciuto, scopri anche cocktail volver!

    Commenti
Articoli correlati
Leave a reply