Intervista a Ciro del Birrificio 7 Sensi

Intervista a Ciro del Birrificio 7 Sensi
Scopriamo la storia di Ciro che, dopo l'Erasmus in Belgio, decide di riportare in Italia le conoscenze apprese e apre, con un amico, un birrificio artigianale: 7 Sensi.

Alle porte di Milano, ad Abbiategrasso, esiste un birrificio che con “passione artigianale” produce eccellenti birre ad alta fermentazione. Scopriamo insieme a Ciro del Birrificio 7 Sensi tutto quello che c’è da sapere sul luppolo!

1 – Buongiorno Ciro! La storia del birrificio è la storia di due amici appassionati di birra. Ci racconti meglio come nasce 7 Sensi?

7sensi nasce, anzi “fiorisce”, come azienda nel 2015 affondando le sue radici nell’amicizia trentennale fra me e Nicola. Ci siamo conosciuti giocando per strada da piccoli e insieme abbiamo iniziato a “giocare” coi lieviti ai tempi dell’università (clandestinamente, nel laboratorio di biotecnologia…) e non abbiamo più smesso. Addirittura ad un esame di Marketing ci siamo presentati, come caso aziendale, con un lavoro sul mercato della birra e relativa carrellata di prodotti sulla cattedra del nostro stupito professore. Ancora oggi si ricorda di noi! Questa passione si è ulteriormente rafforzata nel mio anno di Erasmus in Belgio dove ho avuto modo di assaggiare, per fini “scientifici” ovviamente, le innumerevoli variazioni sul tema che questo Paese sa offrire. Proprio allo stile belga ci siamo ispirati per la nostra Magnetica, una birra che racchiude i grandi profumi tipici delle birre rosse, anche se in una gradazione alcolica molto più contenuta che la rende intrigante e sfiziosa.

7-sensi-birrificio-03

 

2- Nell’abbinamento food & beverage, le birre sono sempre più utilizzate dagli chef che tentano di sperimentare nuove ricette, sdoganando il cliché del classico abbinamento birra e pizza. Che ne pensi a tal proposito?

E’ ormai una realtà di fatto che molti luoghi della ristorazione abbiano una carta delle birre appropriata ai piatti che offrono. Siamo convinti che oggi la birra artigianale sia un prodotto molto “eccitante” da sperimentare sia nell’abbinamento che nella preparazione delle ricette. E non potrebbe essere altrimenti se è vero che la sconfinata ricchezza gastronomica del nostro Paese si è sempre alimentata della ricerca di nuovi ingredienti ed abbinamenti. Personalmente poi, penso che Pizza e Birra sia un cliché non da sdoganare ma piuttosto da valorizzare ulteriormente: una buona pizza si merita sicuramente un’ottima birra. Provare per credere!

7-sensi-birrificio-05

3- Su quali fondamenti si basa la vostra filosofia produttiva?

La nostra filosofia produttiva è dettata da tre elementi:

Piacevolezza di gusto: vogliamo che la nostra birra sia, per chi le assaggia, un abbraccio, un momento di gratificazione. Per questo le nostre birre sono profumate, piacevoli, accattivanti senza mai essere estreme o troppo aggressive.

Qualità Produttiva & Sperimentazione: abbiamo una attenzione costante per tutte le operazioni che vengono effettuate in birrificio per avere un prodotto che sia appagante per i sensi anche dopo qualche mese dall’imbottigliamento. Inoltre ci piace dare una nostra impronta agli stili classici: penso alla Magnetica che interpreta in chiave meno alcolica lo stile belga, oppure alla nostra Prospettiva in cui utilizziamo luppoli americani per arricchirne i profumi.

Emozione: utilizziamo, sempre, due ingredienti autoctoni, oserei dire personali: l’istinto per le birre che andiamo a creare e la passione per la birra stessa. Se, quando testiamo le ricette, sentiamo scaturire dentro di noi queste emozioni allora sappiamo con certezza che stiamo creando una buona birra. Una birra che davvero parla di noi della nostra storia e dei nostri sogni.

7-sensi-birrificio-02

 

4- La vostra azienda ha da poco iniziato ad utilizzare il canale online per la vendita. Quanto pensi sia importante per una piccola e media azienda dell’agroalimentare italiano puntare sul web per far conoscere le eccellenze nostrane?

Il web e le nuove tecnologie offrono un’opportunità unica per le aziende italiane: in pratica permettono di parlare direttamente con i propri clienti, senza filtri o intermediari, riuscendo quindi a caricare il prodotto di tutte quella componenti non materiali che ogni prodotto ha: parlo della storia, delle emozioni e anche della fatica che ogni produttore fa ogni giorno per realizzare i propri prodotti. E’ un discorso valido anche dal punto di vista del consumatore: con pochi click si può parlare con chi il prodotto lo crea e magari fornire il proprio contributo per migliorare o modificare certe caratteristiche. Insomma un’occasione da non perdere.

7-sensi-birrificio-04

Commenti
Articoli correlati
Leave a reply